This site uses technical cookies to improve the browsing experience of users and to gather information on the use of the site.
to continue click on OK for more information click on Privacy Policy

AwareuBlog

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Archives
    Archives Contains a list of blog posts that were created previously.
Recent blog posts

The highly unanticipated Brexit vote of June 2016 led to numerous explanations being put forward as to why the UK took such a dramatic decision, with a fear of globalisation and immigration being constantly identified as the main reason. However, little attention was given to one of the most prominent factors in shaping voters’ opinion, namely political leaders’ rhetoric.

Last modified on
Hits: 1335
Rate this blog entry:
0

• Introduction

Last modified on
Hits: 1808
Rate this blog entry:
0

Le 21 décembre 2017, la Commission européenne s’est résolue à activer l’article 7 du Traité de l’UE contre la Pologne. Alain Dauvergne, conseiller à l'Institut Jacques Delors, analyse la situation ainsi que les dispositions prévues par l'article 7 du traité européen, qui peut priver un État de ses droits de vote dans l’UE, mais qui reste tellement impraticable qu’il est sans effets dissuasifs.

Last modified on
Hits: 1418
Rate this blog entry:
0

La recente polemica tra Berlusconi e Prodi sull’Euro mostra che in Italia manca una memoria condivisa e una comprensione adeguata di alcuni dei passaggi storici più importanti della nostra storia recente, rispetto ai quali continuano a imperversare nel dibattito affermazioni prive di senso.

Last modified on
Hits: 1181
Rate this blog entry:
0

Posted by on in AwarEU BLOG

C’è qualcosa di surreale nella polemica innescata da Berlusconi contro Prodi sull’introduzione dell’euro. Una polemica sulla pelle degli italiani; e che sa parecchio di stantio.

Last modified on
Hits: 1359
Rate this blog entry:
0

Il discorso di fine anno dei Presidenti della Repubblica italiana e francese sono stati alquanto diversi. Mattarella si è rivolto agli italiani in quanto italiani, e nel suo discorso non ha praticamente fatto riferimento all’Unione Europea, contrariamente a quanto accaduto in varie precedenti occasioni. Ha auspicato una grande partecipazione alle elezioni, ma non è entrato sul senso storico delle scelte da compiere. Macron si è rivolto ai francesi sia in quanto francesi che in quanto europei. Rilanciando l’impegno a rifondare l’UE per renderla pienamente sovrana, unita e democratica, auspicando un grande dibattito e una grande consultazione dei cittadini europei sulla base della quale disegnare la nuova Unione. Ha riconosciuto esplicitamente che nel mondo la Francia non può essere forte se l’Europa non è forte. Ha rivendicato che con lui non c’è e non ci sarà nessun cedimento o ammiccamento verso il nazionalismo populista. Piuttosto il rinnovo di un impegno profondo e strutturale al rilancio dell’Unione, che costituisce una sorta di stella polare della Presidenza Macron.

Last modified on
Hits: 1048
Rate this blog entry:
0

O ano de 2015 foi considerado o marco inicial da chamada “Crise dos Refugiados”, visto o elevado número de pessoas que chegaram às fronteiras da Europa em busca de proteção internacional. O Mar Mediterrâneo tornou-se rota principal para chegar em Itália e Grécia, Estados-Membros que confrontaram um aumento excecional dos fluxos migratórios em direção aos seus territórios.

Last modified on
Hits: 2317
Rate this blog entry:
1

Il giovane Sebastian Kurz, 31 anni, divenuto Primo Ministro dell’Austria dopo la vittoria di popolari conservatori ed estrema destra alle elezioni politiche di ottobre, ha deciso di giocare la sua carriera politica su messaggi di chiusura. È normale. In fondo la sua coalizione di governo si regge sull’alleanza con un partito xenofobo e razzista. Dal punto di vista dell’elettore medio austriaco, una scelta opportuna. Dal punto di vista del cittadino medio austriaco, una decisione da guerra civile, visto che spacca a metà la società civile e l’opinione pubblica. Nessuno che invece guardi a quella scelta dal punto di vista del cittadino europeo. Cosa che proviamo a fare in questa sede.

Last modified on
Hits: 1131
Rate this blog entry:
1

Dopo la Commissione Juncker anche il governo italiano, primo tra i Paesi UE, ha presentato le proprie proposte sul completamento dell’Unione Economica e Monetaria (UEM). Appoggia il pacchetto di Juncker, ma va oltre, con proposte più avanzate, che tengono conto degli interessi specifici italiani. Contrasta diverse idee ventilate da alcuni – come quella di affidarsi ai mercati per obbligare gli Stati alla disciplina fiscale, o di prevedere meccanismi per i default pubblici - comunque non fatte proprie dalla Commissione. Chiede poi una più efficace applicazione delle regole esistenti anche contro gli squilibri della bilancia commerciale, come l’eccessivo surplus tedesco.

Last modified on
Hits: 1073
Rate this blog entry:
0

Posted by on in AwarEU BLOG

L’intervento di Luigi Di Maio di qualche giorno fa su Lotta alla povertà, crescita democratica e lavoro: tre fronti per l’Europa del futuro (link), sancisce un passaggio netto e tutto sommato coraggioso da parte del candidato premier del M5S.

Last modified on
Hits: 1139
Rate this blog entry:
0
FaLang translation system by Faboba