This site uses technical cookies to improve the browsing experience of users and to gather information on the use of the site.
to continue click on OK for more information click on Privacy Policy

AwareuBlog

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Archives
    Archives Contains a list of blog posts that were created previously.

L’impotente inutilità del G7

Posted by on in AwarEU BLOG
  • Font size: Larger Smaller
  • Hits: 1018
  • Print

Il fatto che il debutto internazionale del neo-premier Conte avvenga in occasione del G7 ha accentuato l’attenzione in Italia per questo appuntamento. Già forte in generale perché solletica l’ego nazionale l’idea che l’Italia faccia parte dei 7 grandi del mondo. Purtroppo non è così, ed infatti il format del G7 risulta sempre più impotente ed inutile.

Ripercorrerne brevemente la storia aiuta a capirlo. Fu lo shock petrolifero del 1973 a spingere a creare una forma di coordinamento tra le maggiori economie avanzate occidentali. Inizialmente gli Usa invitarono a una riunione Germania, Francia e Regno Unito. Poi si unì il Giappone. Quindi l’Italia. E infine il Canada. Si arrivò così al format del G7 nel 1976, e dal 1977 anche i rappresentanti della Comunità Economica Europea, oggi dell’UE, partecipano alle riunioni. Allora i Paesi del G7 erano effettivamente le 7 più grandi economie del mondo. Il G7 rappresentava larga parte del PIL mondiale e aveva un ruolo dominante sull’economia mondiale. Oggi non è più così: la Cina è la 2° economia del mondo, l’India la 7°. Il che significa che Italia e Canada in realtà già non sono tra i 7 grandi. Ma anche il Brasile e la Corea del Sud stanno per sorpassarci. La realtà è che in pochi anni non ci saranno Stati europei tra le 7 maggiori economie – anche se rimarrà l’attuale format del G7 – ma ci sarebbe l’Unione Europea o l’Eurozona nel suo insieme.

Il G7 ha ormai principalmente una funzione psicologica: aiuta tedeschi, francesi, inglesi e italiani a sentirsi importanti e rilevanti nel mondo, mentre non lo sono più. Pertanto non aiuta a capire che come europei siamo di fronte all’alternativa “unirsi o perire”.

Non ci si può dunque stupire che il G7 in Canada in questi giorni non produrrà nessuna decisione rilevante. E forse nemmeno un comunicato finale che salvi le forme, o nasconda le vergogne, secondo i punti di vista. A testimonianza che con l’amministrazione Trump, non funziona nemmeno come forum sui temi economici tra alleati politici che condividono valori e visione del mondo.

Ecco perché la proposta di Trump, sostenuta immediatamente da Conte – senza forse averci riflettuto a sufficienza – di ritornare al format del G8 includendo la Russia (che non è nemmeno nelle prime 10 economie del mondo!), ha trovato fredda proprio la Russia che non sembra molto interessata a partecipare a un format privo di qualunque funzione.

@RobertoCastaldi

available also here

Last modified on
Rate this blog entry:
1
FaLang translation system by Faboba