This site uses technical cookies to improve the browsing experience of users and to gather information on the use of the site.
to continue click on OK for more information click on Privacy Policy

AwareuBlog

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Archives
    Archives Contains a list of blog posts that were created previously.
Recent blog posts

Il Presidente francese Macron ha scritto una Lettera ai cittadini europei, in tutte le lingue dell’Unione, in vista delle elezioni europee. Si tratta di un’iniziativa senza precedenti e di grande rilievo, in cui Macron auspica un nuovo Rinascimento europeo.

Last modified on
Hits: 829
Rate this blog entry:
7

The AwarEU project was implemented by a very committed team from all Partners institutions whose main objective was the fight against xenophobia and racism as perpetual threats to democracy and pluralism rooted in methodological nationalism and the belief in exclusive identities. The core project idea was to experiment and upscale new accessible and user-friendly tools for the dissemination of a EU-aware multilevel and pluralist approach to citizenship education in a lifelong perspective targeting all citizens and specifically designed to include users with different abilities or social and cultural backgrounds.

Last modified on
Hits: 722
Rate this blog entry:
10

You may not have heard of it, but students from across Europe have been studying at The European University Institute (EUI) since 1976. Situated in the Tuscan hills overlooking Florence, the idyllic setting plays home to a unique institution dedicated to training PhD students and enhancing Europe’s research capacity in economics, history, law, and social sciences.

Last modified on
Hits: 411
Rate this blog entry:
4

Posted by on in AwarEU BLOG

Si è svolto a Madrid il Congresso del Partito Socialista Europeo (PSE), cui aderisce anche il PD italiano, che nel gruppo al Parlamento europeo ha la delegazione maggiore in questa legislatura. Ha approvato il Manifesto politico in vista delle elezioni europee di maggio: Un nuovo contratto sociale per l’Europa. È questo l’obiettivo del suo candidato alla Presidenza della Commissione, l’attuale vice-presidente Frans Timmermans – l’uomo più odiato da Orban e Kaczynski perché costantemente impegnato nella lotta per riportare Ungheria e Polonia al rispetto dello stato di diritto e dei diritti fondamentali.

Last modified on
Hits: 450
Rate this blog entry:
8

In Italia siamo bravissimi ad auto-compiangerci, ad assumere atteggiamenti nazionalisti di fronte a critiche del tutto legittime – e in realtà mere osservazioni della realtà, come quella di Verhofstadt nei confronti di Conte, confermata plasticamente dal fatto che i pastori sardi sono stati ricevuti al Viminale, che non c’entra assolutamente nulla con la questione – e a dimenticare i successi che gli italiani colgono sul piano europeo e internazionale.

Last modified on
Hits: 529
Rate this blog entry:
6

In un mercato globale, sul quale si confrontano competitors globali di dimensione colossale (soprattutto in ambito digitale) come Amazon, Google, Alibabà, Apple, Microsoft, ma anche in altri ambiti (Nestlé, Wal-mart, Coca-Cola, JPMorgan, etc) non può mancare una politica industriale europea.

L’autorizzazione alla fusione tra Alstom e Siemens è stata negata dal Commissario danese alla concorrenza Margrethe Vestager. Una decisione ineccepibile, secondo le logiche del diritto dell’Unione Europea, che prevede una competenza esclusiva per la regolazione della concorrenza sul mercato europeo, volta a tutelare i cittadini europei contro abusi di posizioni di monopolio.

Last modified on
Hits: 588
Rate this blog entry:
11

Il Presidente del Consiglio Conte a Davos si è dovuto ancora una volta arrampicare sugli specchi per cercare di attenuare l’isolamento italiano, di rimediare alle improvvide uscite dei suoi vice e di rispondere all’accordo di Aquisgrana tra Francia e Germania. Il problema è che per farlo ha mostrato che l’Italia non ha una linea politica europea coerente. Ha tante posizioni contraddittorie, il che non può che rendere l'Italia inaffidabile e ininfluente nel quadro dell’Unione.

Last modified on
Hits: 814
Rate this blog entry:
11

Ancora una volta, il M5S punta il dito contro il CFA, la valuta che rappresenta la Comunità Finanziaria Africana, inneggiando allo scandalo neo-colonialista francese, denunciando come l’immigrazione massiccia dall’Africa in Europa abbia motivazioni economico-monetarie, e chiedendo con forza la sovranità monetaria nazionale per i paesi africani come principale fattore di riscatto del continente.

Last modified on
Hits: 1264
Rate this blog entry:
6

Posted by on in AwarEU BLOG

La creciente popularidad y empoderamiento de partidos de extrema derecha a lo largo y ancho del continente europeo tiene como origen inmediato los problemas derivados del deterioro económico mundial, la desafección política generalizada, la oleada masiva de inmigrantes y los conflictos sociales en torno a la idea de “identidad” cultural. Pero lo cierto es que su efectividad reside en la apología xenófoba reiterada antiinmigratoria, y en mayor medida, en la demonización del islam como cultura y colectivo, con el fin de crear un sentimiento de inseguridad en la población. Es por esto que resulta imposible negar que los inmigrantes se hayan convertido en el chivo expiatorio del s.XXI.

Last modified on
Hits: 551
Rate this blog entry:
4

Carlo Calenda ha lanciato un sito “Siamo europei” – il cui titolo ha una notevole assonanza anche con quello di questo Blog – che mostra consapevolezza del significato storico dell’integrazione europea e contiene molti buoni e condivisibili propositi riguardo alle politiche europee. Il fulcro della proposta è un "Manifesto per la costituzione di una lista unica delle forze politiche e civiche europeiste alle elezioni europee". La proposta ha raccolto subito diversi consensi, soprattutto tra esponenti del PD, di LEU e della società civile. L’idea ha un suo fascino e un suo senso, in un Paese che rischia grosso con il governo giallo-nero non solo sul pur rilevante piano economico – dove i danni si cominciano già a vedere e i dati annunciano la recessione – ma anche sul piano dello stato di diritto, delle libertà fondamentali, della democrazia. Il Manifesto però solleva anche una serie di interrogativi, che meritano una discussione approfondita.

Last modified on
Hits: 742
Rate this blog entry:
3
FaLang translation system by Faboba