Questo sito fa uso di cookie tecnici per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
per proseguire nella navigazione cliccare su Accetta per maggiori informazioni cliccare su Privacy Policy

AwareuBlog

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Archives
    Archives Contains a list of blog posts that were created previously.

AwarEU BLOG

AwarEU BLOG

the blog of the "European Awareness" project

Posted by on in AwarEU BLOG

La mozione che contiene la possibilità di emettere, da parte dello Stato, i cosiddetti minibot è passata all’unanimità a Montecitorio. Un evento inquietante; che dà la misura della confusione mentale e dell’insipienza politica dell’intero arco parlamentare italiano.

Last modified on
Hits: 407
Rate this blog entry:
2

Una democrazia non esiste senza lotta politica, senza un potere da contendersi. Dovessimo giudicare lo stato di salute della democrazia europea dal dibattito che si è tenuto a Maastricht a fine aprile, poi a Firenze ad inizio maggio, e ieri a Bruxelles fra gli Spitzenkandidaten (i candidati designati dai gruppi politici alla Presidenza della Commissione Europea) dovremmo essere moderatamente soddisfatti. Pur condividendo tutti l’esigenza di cambiare in profondità le istituzioni e le politiche europee, nella diffusa consapevolezza che serve un maggior grado di integrazione europea (escluso Zahradil), i candidati si sono divisi (anche se con toni pacati, ai quali non siamo più abituati in questo paese) su parecchi aspetti sostanziali. Insomma, una lotta politica (apparentemente) vera. Ma che lascia trasparire più di una perplessità.

Last modified on
Hits: 374
Rate this blog entry:
5

Il 9 maggio è la Festa dell’Europa. Anche quest’anno ci sono moltissime iniziative al riguardo. Ma rispetto ad altri anni, vi sono molte differenze. Non è la prima volta che la Festa dell'Europa è vicina alle elezioni europee, succede ogni 5 anni. Ma è la prima volta che avviene vicino ad elezioni europee che molti considerano decisive, una sorta di referendum pro o contro il processo di unificazione europea.

Last modified on
Hits: 183
Rate this blog entry:
3

Si è svolto ieri [29 Aprile 2019, NdR] a Maastricht un primo confronto tra i candidati alla Presidenza della Commissione europea presentati dai vari partiti europei, che i cittadini hanno potuto seguire in inglese, francese e tedesco sul web. È stato un dibattito promosso dall’Università di Maastricht e da Politico, che ha avuto momenti di grande interesse per ragioni molto diverse.

Last modified on
Hits: 473
Rate this blog entry:
7

All’indomani del referendum sulla Brexit che vide la vittoria del Leave, scrissi su questo Blog che la Brexit rischiava di avviare la dissoluzione del Regno Unito, dato che in Scozia ed Irlanda del Nord aveva nettamente vinto il Remain. La narrazione nazionalista, anche di molti media, offriva invece una visione della Brexit come avvio della dissoluzione dell’Unione Europea, come sosteneva anche Donald Trump. E anche vari europeisti lo temevano. Tre anni dopo sappiamo che la Brexit si è rivelata un incubo per il Regno Unito, che ha rafforzato lo spirito europeo in quel Paese, e si è rivelata una sorta di spot per l’Unione Europea. E quanto sta accadendo in Scozia sembra confermare l’analisi a caldo sul futuro del Regno Unito.

Last modified on
Hits: 337
Rate this blog entry:
5

È triste osservare come la Festa della Liberazione sia diventata divisiva, e che addirittura forze che sono al governo la mettano in qualche modo in dubbio, dimenticando i valori e i principi della Costituzione cui hanno giurato di essere fedeli. La memoria e il ricordo delle tragedie e degli errori del passato – incluso il regime fascista - e degli sforzi fatti per superarli, attraverso la Resistenza e insieme agli Alleati europei e americani, sono invece una base fondamentale e indispensabile.

Last modified on
Hits: 297
Rate this blog entry:
4

Le immagini strazianti del rogo della cattedrale di Notre Dame a Parigi sono devastanti per tutti gli europei. Questa comune sensazione oggi ci fa sentire tutti parigini e francesi, al di là di qualunque differenza di opinione – peraltro, anche quando i nostri governi nazionali polemizzano e si dividono tra loro, in realtà nessuno di essi ha dietro un’opinione pubblica nazionale compatta, perché i francesi, gli italiani, i tedeschi e così via non la pensano mai tutti allo stesso modo, e in realtà l’opinione pubblica europea non si divide necessariamente su base nazionale, come dimostra anche la lotta politica all’interno del Parlamento europeo e nelle elezioni europee, dove gli aspetti di comunanza di partito spesso prevalgono sull’appartenenza nazionale.

Last modified on
Hits: 326
Rate this blog entry:
8

Il dibattito pubblico italiano ha spesso una prospettiva nazionale deformante, che impedisce di cogliere pienamente il significato profondo dei processi e degli eventi in cui pure siamo immersi. Ultimamente questo si manifesta ad esempio con una sorta di riflesso condizionato negativo nei confronti di Francia e Germania, storicamente i nostri più stretti partner europei. E purtroppo, questo non ci aiuta, sotto nessun punto di vista. Un esempio lampante è dato dalla visita di Xi Jinping, Presidente e leader del Partito comunista cinese.

Last modified on
Hits: 413
Rate this blog entry:
5

Salvare il Pianeta è una sfida esistenziale per l’umanità. Le grandi manifestazioni dei giovani contro il surriscaldamento globale mostrano che cresce la consapevolezza del problema. Riprendendo la riflessione di Kant sulla rivoluzione francese potremmo considerarlo un segno prognostico della possibilità per l’umanità di progredire, nel nostro caso di salvarsi.

Last modified on
Hits: 628
Rate this blog entry:
6

Posted by on in AwarEU BLOG

Se la lettera di Macron agli europei, che invita ad un Rinascimento Europeo, sollevava qualche perplessità di metodo, eccessivamente intergovernativo e quindi fortemente a rischio di legittimità democratica, la risposta della nuova leader della CDU tedesca, Annegret Kramp-Karrenbauer (più nota come AKK, vista la difficoltà, anche per i tedeschi, di pronunciarne il nome per intero), è agghiacciante: nazionalista, populista ed ostentatamente conservatrice.

Last modified on
Hits: 665
Rate this blog entry:
9
FaLang translation system by Faboba