Questo sito fa uso di cookie tecnici per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
per proseguire nella navigazione cliccare su Accetta per maggiori informazioni cliccare su Privacy Policy

AwareuBlog

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Archives
    Archives Contains a list of blog posts that were created previously.

AwarEU BLOG

AwarEU BLOG

the blog of the "European Awareness" project

I romani avevano ragione: verba volant scripta manent. Le parole volano e gli scritti restano. Vale anche per gli atti parlamentari. Anche per quelli del Movimento 5 stelle, che ci aiutano a capire la loro vera linea sull'Europa, più delle parole contraddittorie che sprecano in questo periodo.

Last modified on
Hits: 1137
Rate this blog entry:
0

Si è svolta sabato a Roma la Convenzione "Per un'Europa federale - Il ruolo e le responsabilità dell'Italia", organizzata dal Movimento Federalista Europeo in collaborazione con la Gioventù Federalista Europea, l'Unione Europea dei Federalisti e il Gruppo Spinelli, con il contributo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea. L’iniziativa, realizzata nel Giorno della Memoria e aperta da un minuto di silenzio per le vittime della Shoa e di tutti i genocidi, è stata anche un modo per ribadire che l’unico modo efficace per evitare le tragedie del passato è l’integrazione europea, la costruzione di istituzioni sovranazionali, la condivisione di sovranità al livello dove possono essere affrontati i problemi, il superamento delle divisioni e dei confini e il riconoscimento dell’uguaglianza dei diritti nel quadro di una cittadinanza comune. Come ammoniva il Manifesto di Ventotene: “Se la lotta restasse domani ristretta nel tradizionale campo nazionale, sarebbe molto difficile sfuggire alle vecchie aporie”. L'obiettivo dell'iniziativa era di mettere in rilievo il ruolo e le responsabilità storiche dell'Italia nel quadro della partita per la riforma dell'UE ora che si è aperta una finestra di opportunità grazie all'iniziativa di Macron, che rischia di chiudersi se alle elezioni in Italia prevalessero delle forze nazionaliste e anti-europee.

Last modified on
Hits: 1126
Rate this blog entry:
0

Il Giorno della Memoria è un'opportunità importante per ricordare e per riflettere sulla Shoa, sugli errori e gli orrori prodotti dalla civiltà europea moderna nella sua storia e sulle responsabilità che ne derivano affinché non si ripetano. La Memoria è il primo passo, necessario ma non sufficiente. Necessario, specie in Paesi come l'Italia, che i conti con il passato e con le loro responsabilità non li hanno mai fatti fino in fondo. Ma la Memoria da sola non basta ad evitare il riemergere dei demoni del passato: nazionalismo, xenofobia, razzismo. E soprattutto la Memoria non c’è. Negli ultimi anni la nostra società – italiana ed europea - si sta chiudendo in se stessa, rifugge la Memoria e le lezioni della storia.

Last modified on
Hits: 1010
Rate this blog entry:
0

Alcune delle recenti dichiarazioni del leader della Lega Nord - che ha tolto “Nord” dal simbolo per le elezioni per cercare qualche voto anche al centro-sud, ma non dal nome del partito o del Gruppo parlamentare, da cui ha però almeno tolto “per l’indipendenza della Padania” come recitava per circa metà legislatura – fanno venire il dubbio che sia contro lo Stato di diritto.

Last modified on
Hits: 1061
Rate this blog entry:
0

Stefano Fassina, esponente di spicco di Liberi e Uguali, ha fatto ieri gli auguri al candidato della Lega Bagnai, noto sostenitore dell’uscita dell’Italia dall’Euro. Mentre Grasso, Bersani ed altri non ritengono di chiudere al dialogo con il M5S, anch’esso favorevole all’uscita dell’Italia dall’Euro. In attesa della presentazione del programma di questa lista, viene il dubbio di trovarsi di fronte non a una sinistra di governo europea, ma ad una nuova lista nazionalista-sovranista da sinistra.

Last modified on
Hits: 1065
Rate this blog entry:
0

Negli ultimi giorni le istituzioni europee hanno preso una serie di decisioni che ci ricordano che l’Unione è un ordinamento giuridico vincolante ed uno stato di diritto a tutela dei propri cittadini.

Last modified on
Hits: 1109
Rate this blog entry:
0

La governance dell’eurozona sta diventando un punto cruciale delle proposte di riforma dell’Unione Europea. La sua manifesta incapacità di gestire la crisi dei debiti sovrani in maniera equa e sostenibile (che ha costretto la Bce a manovre al limite del suo mandato, in attesa che i governi europei mettessero mano al completamento dell’unione bancaria, fiscale ed economica) ha spinto la Commissione Europea a realizzare un ampio pacchetto di documenti sul completamento dell’Unione economica e monetaria (UEM) lo scorso 6 dicembre .

Last modified on
Hits: 1240
Rate this blog entry:
0

Following on from the previous post, Aristotle stated that there is a need to add a moral character (ethos) to moving (pathos) and logical narratives for leadership performance to come across as persuasive. Given the size of Britain, with over 60 million inhabitants, it would be difficult for everyone to meet a given politician; which is why not only rhetoric, but also the media’s coverage of leaders determines, to a great extent, their persona (Gaffney, 2001, 129).

Last modified on
Hits: 1214
Rate this blog entry:
0

Posted by on in AwarEU BLOG

Le elezioni negli ultimi tempi in tutti i Paesi europei hanno visto come frattura fondamentale quella tra europeisti e nazionalisti in salsa populista. In Italia non si capiva come questa frattura si sarebbe manifestata, visto che nel centro-destra convivono partiti con ancoraggi europei molto diversi. Forza Italia fa parte del Partito Popolare Europeo, che esprime i Presidenti di tutte le istituzioni politiche dell’Unione - della Commissione europea Juncker, del Consiglio Europeo Tusk, del Parlamento Europeo Tajani - e che domina i meccanismi decisionali. In pratica nell’Unione non si decide nulla senza che il partito popolare, e Forza Italia, siano d’accordo. Al contrario la Lega e Fratelli d’Italia fanno riferimento ai gruppi politici più nazionalisti presenti al Parlamento europeo, cioè non votano praticamente mai insieme a Forza Italia. Quale sarebbe stata la sintesi programmatica rispetto all’Europa, di forze che negli ultimi anni hanno sistematicamente votato in modo opposto?

Last modified on
Hits: 1100
Rate this blog entry:
0

Posted by on in AwarEU BLOG

A guardare il dibattito elettorale italiano in controluce rispetto a quello francese dello scorso anno, o a quello di queste settimane per la formazione del Governo in Germania, c’è da rabbrividire.

Last modified on
Hits: 1260
Rate this blog entry:
0
FaLang translation system by Faboba