Questo sito fa uso di cookie tecnici per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
per proseguire nella navigazione cliccare su Accetta per maggiori informazioni cliccare su Privacy Policy

AwareuBlog

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Archives
    Archives Contains a list of blog posts that were created previously.

Brexit: il Regno Unito ha un disperato bisogno di un accordo

Posted by on in AwarEU BLOG
  • Font size: Larger Smaller
  • Hits: 614
  • Print

La premier britannica Theresa May ha rilasciato interviste ai maggiori quotidiani europei alla vigilia del consiglio europeo di Salisburgo per chiedere un accordo tra il Regno Unito e l'Unione Europea. La May sostiene che il Regno Unito ha fatto proposte nella direzione chiesta dall'UE e chiede di allentare i paletti che l’Unione Europea ha posto al negoziato, in particolar modo per quel che riguarda l’evitare un confine fisico tra l'Irlanda e l'Irlanda del nord. Allo stesso modo la premier non vuole una qualche forma di barriera tra l'Irlanda del nord e il resto del Regno Unito. Le due posizioni sono però difficili da conciliare.

Resta il fatto che l’Unione Europea continua ad avere le carte in mano. Un’uscita senza accordo sarebbe piuttosto fastidiosa per gli Stati europei, ma secondo il Fondo Monetario Internazionale sarebbe una vera e propria catastrofe per il Regno Unito. Anche i documenti pubblicati dal governo britannico per prepararsi all'eventualità di un’uscita senza accordo mostrano di fatto che il Regno Unito ha poche alternative. Un sondaggio condotto tra diplomatici dei vari Paesi membri presenti a Bruxelles mostra che sono tutti concordi nel ritenere che alla fine il Regno Unito troverà un accordo con l’UE perché assolutamente non può farne a meno.

Tutto questo ci mostra ancora una volta la debolezza degli stati nazionali e la forza dell'Unione. E dovrebbe insegnare che isolarsi e mettersi da soli contro tutti gli altri, di solito non porta buoni frutti. Nonostante tutti i suoi limiti l’Unione Europea è il primo mercato del mondo, la prima potenza commerciale e ha delle potenzialità inesplorate come attore sul piano globale.

@RobertoCastaldi

disponibile anche qui

Last modified on
Rate this blog entry:
2
FaLang translation system by Faboba