This site uses technical cookies to improve the browsing experience of users and to gather information on the use of the site.
to continue click on OK for more information click on Privacy Policy

AwareuBlog

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Archives
    Archives Contains a list of blog posts that were created previously.

Il discorso di fine anno di Macron e la scelta per l’Italia

Posted by on in AwarEU BLOG
  • Font size: Larger Smaller
  • Hits: 900
  • Print

Il discorso di fine anno dei Presidenti della Repubblica italiana e francese sono stati alquanto diversi. Mattarella si è rivolto agli italiani in quanto italiani, e nel suo discorso non ha praticamente fatto riferimento all’Unione Europea, contrariamente a quanto accaduto in varie precedenti occasioni. Ha auspicato una grande partecipazione alle elezioni, ma non è entrato sul senso storico delle scelte da compiere. Macron si è rivolto ai francesi sia in quanto francesi che in quanto europei. Rilanciando l’impegno a rifondare l’UE per renderla pienamente sovrana, unita e democratica, auspicando un grande dibattito e una grande consultazione dei cittadini europei sulla base della quale disegnare la nuova Unione. Ha riconosciuto esplicitamente che nel mondo la Francia non può essere forte se l’Europa non è forte. Ha rivendicato che con lui non c’è e non ci sarà nessun cedimento o ammiccamento verso il nazionalismo populista. Piuttosto il rinnovo di un impegno profondo e strutturale al rilancio dell’Unione, che costituisce una sorta di stella polare della Presidenza Macron.

In pratica Macron ha rilanciato la sua proposta di un’Europa unita, sovrana e democratica, e la sua sfida agli altri Paesi europei a rispondere su questo piano. Su questo punto è caduta la possibilità di un’alleanza in Germania tra la CDU e i Liberali, e ora è un tema centrale nel negoziato tra la Merkel e la SPD di Schulz. Le prossime elezioni italiane avranno anche – o forse soprattutto – il senso della scelta dell’Italia rispetto all’Unione Europea e al suo rilancio. Storicamente l’Italia ha sempre spinto per l’integrazione, e la Francia è il Paese in cui alcuni dei progetti di integrazione sono caduti, come la Comunità Europea di Difesa nel 1954 e il Trattato Costituzionale nel 2005. Ora rischiamo di invertirci i ruoli. Ma l’Italia è più fragile ed esposta della Francia, e quindi ha ancor più bisogno di un’Europa unita, sovrana e democratica, in grado di rilanciare gli investimenti e l’occupazione, di garantire la sicurezza e di gestire i flussi migratori. La scelta per gli italiani è tra una prospettiva europea e la marginalizzazione. Tra un percorso di maggiore integrazione dell’Unione o il declino sempre più rapido cui ci condannerebbero le ricette, essenzialmente slogan, proposte dai nazionalisti in salsa populista.

@RobertoCastaldi

Last modified on
Rate this blog entry:
0
FaLang translation system by Faboba